Nasce la Memoteca della Montagna Pistoiese

Dal 9 aprile 2018 è online il progetto della Memoteca della Montagna Pistoiese.

La Memoteca è un sito web, nato dal seno di LetterAppenninica, che si propone di registrare in video storie, testimonianze e racconti che riguardano la montagna pistoiese, dalla viva voce di chi li ha vissuti e raccolti, per non disperdere l’immenso patrimonio di cultura e tradizione orale che rischia di scomparire con i suoi protagonisti.

La Memoteca è un luogo inclusivo, è aperto a tutti e tutti possono sentire di farne parte. Tutti potranno raccogliere una storia e inviare un video, tutti potranno consultarla liberamente creando dei percorsi personali. Tutti potranno esserne protagonisti nel modo che riterranno più opportuno.

La Memoteca non vuole semplicemente raccogliere storie, ma favorire soprattutto un dialogo intergenerazionale. Perché la memoria del nostro passato può aiutarci a far sì che il nostro futuro non ci debba far vergognare del nostro presente.

Crediamo di aver creato una linea di collegamento immaginaria fra i metati, i luoghi dove queste storie si tramandavano, i bar e le piazze di paese e Youtube.

Tutti sono invitati a inviare alla Memoteca dei video raccogliendo la memoria di un testimone. Il tema non è così importante: la memoria si compone di qualsiasi tipo di esperienza. Racconti di guerra, di resistenza, di emigrazione, di lavoro, di lotta, di sudore, ma anche aneddoti di paese, storie buffe, storie familiari e storie d’amore. L’importante è conservare, archiviare e rendere fruibile lo sterminato patrimonio di cultura orale che da sempre innerva le comunità dei paesi della montagna pistoiese. Sul sito trovate tutte le spiegazioni su come si fa. E’ più facile di quello che si può pensare, basta avere uno smartphone in tasca.

La Memoteca, quindi, sarà in continua evoluzione.

Intanto si può esplorare, si possono creare percorsi personalizzati per paese o per argomento. Oppure andare un po’ a caso, sorprendendosi del valore inestimabile che può avere anche un solo pezzettino di memoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *